Vai al contenuto

L’uomo che credeva che il succo di limone lo rendesse invisibile

Nel 1995, a Pittsburgh, Pennsylvania, si verificò un caso di rapina particolarmente insolito. Un uomo di nome McArthur Wheeler decise di rapinare due banche in pieno giorno. La cosa straordinaria era che Wheeler aveva coperto il suo viso con il succo di limone, credendo che gli conferisse l’invisibilità. La ragione dietro questa scelta bizzarra era l’idea erronea di Wheeler riguardo all’effetto del succo di limone sulla pelle.

Wheeler basava la sua convinzione sul fatto che il succo di limone potesse essere utilizzato come inchiostro invisibile. A suo parere, se si applicava il succo di limone sul viso, esso sarebbe diventato invisibile alle telecamere di sorveglianza delle banche. Sfortunatamente per lui, non aveva compreso i principi fondamentali dell’effetto dell’inchiostro invisibile o, come in questo caso, dell’effetto Dunning-Kruger. Come risultato dell’errata valutazione delle sue capacità e della mancanza di consapevolezza delle sue limitazioni, Wheeler fu facilmente identificato e arrestato poco dopo i furti. Non aveva realizzato che la sua idea era assurda e inapplicabile nella realtà.

Johnson venne stato arrestato il 12 gennaio: una fotografia di sorveglianza di Wheeler è stata trasmessa come parte di un segmento di Pittsburgh Crime Stoppers alle 23:00 del 19 aprile. Successivamente, segnalazioni anonime hanno portato all’arresto di Wheeler alle 00:10 del 20 aprile, meno di un’ora dopo la trasmissione. Quando gli sono state mostrate le fotografie in cui era stato identificato, Wheeler è rimasto scioccato ed ha esclamato “Ma ho indossato il succo di limone! Ho indossato il succo di limone!” Johnson ha dichiarato la sua colpevolezza per la rapina alla Mellon Bank e per altre due rapine non correlate del 1994. Ha testimoniato contro Wheeler e il 27 ottobre gli è stata inflitta una condanna a cinque anni di prigione. Il giudice Gary L. Lancaster ha condannato Wheeler a 24 anni e mezzo di prigione, seguiti da tre anni di libertà vigilata, il 5 gennaio 1996, per la rapina di Swissvale.

Questo episodio è diventato un esempio classico dell’effetto Dunning-Kruger, poiché Wheeler si trovava nella parte inferiore della curva di abilità: ignorava completamente le sue carenze cognitive e sovrastimava le sue capacità. In altre parole, non si rendeva conto della sua incompetenza. L’effetto Dunning-Kruger è un aspetto importante della psicologia e serve da monito per ricordare a tutti noi di rimanere umili riguardo alle nostre abilità e di essere aperti al feedback e all’apprendimento continuo.

(immagine generata da Midjourney)

VIETATO CLICCARE QUI