Il Tempio Satanico inizia una manovra legale per aggirare il nuovo divieto di aborto in Texas

L’organizzazione religiosa del Tempio Satanico (The satanic temple) si è unito alla disputa legale per provare a bloccare la nuova, severissima legge sull’aborto in Texas, Stati Uniti. Quella legge, che la Corte Suprema degli Stati Uniti ha rifiutato di bloccare settimana scorsa, vieta la procedura medica dopo sei settimane, compresi i casi di stupro e incesto.

Il Temple di Salem, nel Massachusetts, ha inviato una lettera alla Food and Drug Administration degli Stati Uniti sostenendo che i suoi membri del Texas dovrebbero avere accesso legale alle pillole abortive. Gli avvocati del gruppo sostengono che il suo status di organizzazione religiosa non teista dovrebbe garantire l’accesso all’aborto come diritto basato sulla fede.

Nella lettera, il Tempio sostiene che le pillole abortive Misoprostol e Mifepristone dovrebbero essere disponibili per il loro uso attraverso il Religious Freedom Restoration Act, che protegge l’uso del peyote da parte dei nativi americani nei rituali religiosi. Il Tempio dice che gli stessi diritti dovrebbero essere applicati alle droghe che usa per i propri rituali.

“La battaglia per il diritto all’aborto è in gran parte una battaglia di punti di vista religiosi in competizione, e il nostro punto di vista che il feto non vitale fa parte dell’ospite impregnato è fortunatamente protetto dalle leggi sulla libertà religiosa”, ha dichiarato il principale attivista del gruppo, Lucien Greaves.

L’organizzazione The Satanic Temple – una chiesa non teistica riconosciuta dall’IRS, con 300.000 membri al suo interno – ha intentato cause in più stati per evidenziare contraddizioni e problematiche annesse all’uso della religione, specie in ottica di mancata separazione stato-chiesa. (fonte)

Foto: Creative Commons, alcuni diritti sono riservati a Marc Nozell

Segui il canale Telegram